30/05 – L’EVOLUZIONE TECNOLOGICA DEGLI IMPIANTI DI RECUPERO DELLE FRAZIONI BIODEGRADABILI DI RIFIUTI

#Savethedate
Roma 30 maggio 2018

ATIA ISWAITALIA e CIC

Promuovono il Seminario

L’EVOLUZIONE TECNOLOGICA DEGLI IMPIANTI DI RECUPERO DELLE FRAZIONI BIODEGRADABILI DI RIFIUTI: STATO DELL’ARTE E PROSPETTIVA IN CHIAVE DI ECONOMIA CIRCOLARE

Organizzato da

Università degli studi di Roma “Tor Vergata”

Sala Convegni Macroarea di Ingegneria
Via del Politecnico 1, 00133 Roma

Focus

Il settore del recupero e riciclo del rifiuto organico ha subito in Italia un’enorme evoluzione che consente all’Italia di essere tra i primi paesi europei pronti a recepire le direttive della riforma comunitaria sull’Economia Circolare. Atia-Iswa e con il Consorzio Italiano Compostatori, in qualità di promotori dell’evento, attraverso l’organizzazione dell’Università di Roma “Tor Vergata”, focalizzano tecnicamente lo stato dell’arte del settore ma pongono all’attenzione dei decisori politici le criticità del settore e le potenziali linee evolutive

In attivazione la procedura di accreditamento per il riconoscimento di 4 CFP per Agronomi del Lazio e Ingegneri

Tutte le info per l’accredito e il programma nella pagina web di Atia-Iswa Italia

Biennale di Architettura di Venezia: DICII a Palazzo Mora con la mostra “Time Space Existence”

I risultati didattici dei primi tre anni del Solomon Project saranno esposti al Time Space Existence della Biennale di Architettura di Venezia a Palazzo Mora, Venezia, il 24-25 maggio 2018, ore 18.00-22.00.

Il Solomon Project è un laboratorio di progettazione architettonica e urbana che ha coinvolto gli studenti del corso di laurea in Ingegneria Edile-Architettura di Roma “Tor Vergata”, gli studenti del corso di laurea in architettura dell’Università di Firenze, gli studenti dell’accademia di Belle Arti della stessa città e gli studenti di architettura della Ariel University (Israele).

I seminari si sono svolti grazie all’accordo tra il Dipartimento di Ingegneria Civile e Ingegneria Informatica (DICII) dell’università di Roma “Tor Vergata” e il Dipartimento di Architettura di Firenze (DIDA) sotto la responsabilità scientifica del prof. Francesco Taormina per quanto riguarda la nostra università e all’interno dell’accordo quadro tra Italia e Israele. Sono stati coinvolti gruppi misti di studenti delle tre università e dell’Accademia fiorentina, i quali hanno lavorato su temi comuni, sia in Italia sia in Israele e, in particolare, a Gerusalemme.

La mostra della Biennale espone una selezione dei singoli progetti, risultato del lavoro seminariale, redatti in poco tempo ma utili a mediare profonde diversità culturali in una forma condivisa e comunicabile.

24/11 – convegno “La gestione e il controllo degli scarichi degli impianti di depurazione”

Si svolge il 24 novembre 2017 dalle ore 9 alle ore 13 circa il convegno “La gestione e il controllo degli scarichi degli impianti di depurazione” orgaizzato da DICII – Dipartimento di Ingegneria Civile e Ingegneria Informatica, da DII – Dipartimento di Ingegneria dell’Impersa e da ANDIS – Associazione Nazionale di Ingegneria Sanitaria-Ambientale.

Le questioni connesse alla gestione ed al controllo degli scarichi degli impianti di depurazione delle acque reflue ha assunto in questi ultimi anni particolare rilevanza per i risvolti vuoi carattere amministrativo che giuridico. Il seminario, svolto da docenti universitari esperti del settore, intende focalizzare le principali problematiche e le tecniche più consone alla corretta gestione degli scarichi.

La partecipazione al seminario rilascia 3 CFP per l’aggiornamento delle competenze professionali degli ingegneri ex DPR 137/2012 e successivo regolamento approvato dal Ministero della Giustizia.

Iscrizione obbligatoria tramite DELPHI

Nella locandina l’agenda della giornata e le modalità di iscrizione e pagamento del fee

Digitalizzazione BIM BASED della filiera delle costruzioni

ISCRIZIONI ENTRO IL 2 OTTOBRE per la II edizione del Master

 

L’utilizzo della metodologia BIM in tutta la gestione di un appalto, dal progetto alla realizzazione, costituisce un’opportunità e un considerevole vantaggio per tutti i protagonisti del mondo delle costruzioni. Anche a valle del nuovo Codice degli Appalti, non è più procrastinabile affrontare in maniera diversa e più efficace le fasi di progettazione e costruzione ma anche quelle di manutenzione, gestione e facility management del patrimonio immobiliare. Il controllo totale di questi strategici passaggi, sia per gli edifici e ancor più per le infrastrutture e gli impianti, è oggi reso possibile dalla conoscenza approfondita e dalla applicazione del Building Information Modeling. Il supporto del BIM in ambito architettonico e strutturale non è solo la modellazione tridimensionale, ma consente la condivisione, il dialogo, l’integrazione con colleghi e partner, di tutti i dati del progetto, fisici e funzionali; in fase di manutenzione, poi, la conoscenza dell’intero ciclo di vita di una struttura, possibile con il BIM garantisce all’operatore di intervenire riducendo il rischio di possibili errori umani, maggiore efficienza, certezza di tempi e costi.

Con questi obiettivi è nato lo scorso anno il Master di II livello “Digitalizzazione Bim Based della Filiera delle Costruzioni”, tra i primi in Italia a uscire sia dai tipici contenuti legati alla filiera edilizia che all’ICT per far emergere nuove figure professionali abili e competenti a dialogare tra progettisti, costruttori, gestori di opere immobiliari e le moderne tecnologie. E anche quest’anno è possibile iscriversi – entro il 2 ottobre 2017 – alla II edizione.

Chi conseguirà il master sarà fra i primi diffusori della rivoluzione digitale nell’intera filiera delle costruzioni, la Industry 4.0. Un settore in profonda crisi che deve innovare per sopravvivere, ma anche ricco di champions locali capaci di vincere gare rilevanti all’estero e che avranno sempre più necessità di assumere specialisti in grado di unire i due mondi: la filiera AEC e quella dell’ICT.

Il programma di un anno che il Dipartimento di Ingegneria Civile e Ingegneria Informatica dell’università degli Studi di Roma “Tor Vergata” offre con la collaborazione di Harpaceas, azienda leader nella proposta di soluzioni informatiche altamente qualificate, è rivolto ai laureati magistrali delle discipline dell’ingegneria e dell’architettura e agli operatori del settore delle costruzioni che intendano affrontare un percorso formativo finalizzato alla realizzazione integrata di una commessa, impossibile finora. Grazie alla sinergia attivata tra alcuni docenti dell’università degli Studi di Roma “Tor Vergata” e uno staff d’eccellenza, composto da consulenti internazionali, esperti di project construction management, di ottimizzazione di processi, di formazione, affiancamento ed implementazione di sistemi informatici, garantito da Harpaceas, il Master permetterà di approfondire le tematiche del BIM.

Costruire un CV in cui emerge l’approfondita competenza dei processi BIM significa acquisire capacità altamente specialistiche e particolarmente richieste dalle imprese più qualificate e crearsi migliori opportunità nel mercato nazionale e internazionale delle costruzioni.

Le iscrizioni rimarranno aperte fino al 2 ottobre 2017

Le attività formative sono articolate in 392 ore di didattica frontale, con applicazioni pratiche, attività seminariali e tirocini in aziende qualificate, affiancati da specialisti del settore.

È prevista la frequenza in aula per un massimo di 25 iscritti.

Principali argomenti saranno:

La rivoluzione digitale

Tecnologie per le informazioni e le comunicazioni

I nuovi ruoli, gestione dei dati, le procedure

Aspetti legali

Applicativi e strumenti Bim

Tecnologie digitali per la progettazione, il rilievo, la gestione

Gestione delle interferenze

Per maggiori informazioni, iscrizione e bando:

http://www.uniroma2.it

email: bimbased@ing.uniroma2.it

Segreteria didattica: tel 06 72597027; fax 06 72597030

 

Per tutte le informazioni di tipo amministrativo:

http://web.uniroma2.it/module/name/Content/newlang/italiano/navpath/SEG/section_parent/5996

Per le modalità di pagamento delle quote d’iscrizione da parte di Enti Pubblici o Privati

e-mail: segreteriamaster@uniroma2.it

Inaugurato il Laboratorio Didattico Multimediale del DICII

42 posti, una postazione per disabili, wi-fi per i partecipanti e una lavagna interattiva: il nuovo Laboratorio Didattico Multimediale inaugurato oggi nel Dipartimento di Ingegneria Civile e Ingegneria Informatica rappresenta un’utilissima opportunità a disposizione del DICII: un posto comodo e tecnologicamente avanzato per quanti parteciperanno ai prossimi seminari scientifici.

“Non per la didattica ordinaria, non per gli esami, ma per i seminari e i workshop scientifici, per gli incontri anche a livello internazionale, utilissimi al confronto tra studiosi e ricercatori. Ora mi aspetto un nutrito calendario di incontri!” ha affermato durante l’inaugurazione il direttore del dipartimento prof. Renato Gavasci.

Il laboratorio, che si trova nell’edificio di Ingegneria Civile, offre postazioni comode con prese elettriche, un sistema di connessione wi-fi, una Smart Board di ultima generazione che può essere utilizzata come touch screen o come computer. Il nuovissimo sistema permette anche di registrare i seminari in audio/video.

La realizzazione del laboratorio è stata possibile grazie all’unione di risorse dell’ateneo, del dipartimento e anche dei singoli docenti.