Innovazione e Sviluppo: il Trasferimento Tecnologico nell’ecosistema del Rome Technopole

Innovazione e Sviluppo: il Trasferimento Tecnologico nell’ecosistema del Rome Technopole

Il convegno “Innovazione e Sviluppo: il Trasferimento Tecnologico nell’ecosistema del Rome Technopole”, che si terrà lunedì 4 marzo alle ore 14:30 (Aula Leonardo- Edificio Didattica), intende approfondire il ruolo del Trasferimento Tecnologico nell’ecosistema regionale dell’innovazione.

Il Trasferimento Tecnologico è un’attività focalizzata sull’interscambio di conoscenze, soprattutto tra il mondo della ricerca e quello dell’industria. L’obiettivo principale di tale “trasferimento” è la trasformazione dei risultati della ricerca in prodotti e processi suscettibili di commercializzazione da parte delle imprese.

In un contesto caratterizzato da rilevanti innovazioni, soprattutto nell’ambito della Transizione Energetica, della Transizione Digitale e della Salute & Bio-Farma, la gestione del Trasferimento Tecnologico riveste un ruolo centrale, fungendo da leva per il grado di innovazione delle imprese.

Crediti immagine Freepik

Il convegno, organizzato nell’ambito delle iniziative del Rome Technopole con la collaborazione del Dipartimento di Ingegneria dell’Impresa “Mario Lucertini” -, si propone come momento di riflessione e dibattito per esplorare le sfide e le opportunità connesse a questa complessa attività, promuovendo la condivisione di conoscenze e l’approfondimento di strategie innovative.

Intervengono, tra gli altri il rettore Nathan Levialdi Ghiron, il direttore del Dipartimento di Ingegneria dell’Impresa “Mario Lucertini” e prorettore al Trasferimento Tecnologico Vincenzo Tagliaferri.

Vai al programma

Ripensa, Ricicla, Rigenera: il concorso a premi rivolto agli studenti per recuperare il legno di scarto

Ripensa, Ricicla, Rigenera: il concorso a premi rivolto agli studenti per recuperare il legno di scarto

Il progetto “Ripensa, Ricicla, Rigenera: nuova vita al legno di CAMPUS X Roma Tor Vergata” nasce con l’obiettivo di recuperare legno di scarto stimolando la partecipazione attiva degli studenti e promuovere pratiche sostenibili. Il tema del recupero assume una importanza primaria ai fini della sostenibilità in termini di minore produzione e massimo stoccaggio di CO2. Il concorso a premi per il recupero delle assi di legno degli edifici di CampusX, è rivolto a studenti e studentesse di Ingegneria del Dipartimento di Ingegneria Civile e Ingegneria Informatica dell’Università Tor Vergata.

Crediti immagine Freepik

Possono partecipare al concorso gli studenti regolarmente iscritti ai corsi di laurea triennale o magistrale in:

– Ingegneria Civile e Ambientale

– Ingegneria Civile

– Ingegneria dell’Edilizia

– Ingegneria e Tecniche del Costruire

– Ingegneria Edile Architettura

Il termine per la presentazione delle domande è il 31 maggio 2024.

Per maggiori informazioni e scaricare il bando visita la pagina

Crediti immagine Freepik

CICLI Summer School 2024, il corso di Lingua e Cultura Italiana per studenti internazionali

CICLI Summer School 2024, il corso di Lingua e Cultura Italiana per studenti internazionali

Sono aperte le iscrizioni alla CLICI Summer School 2024 che si terrà nel prossimo mese di luglio e offrirà agli studenti internazionali di tutto il mondo la possibilità di approfondire la lingua e la cultura italiana. Il corso intensivo di Lingua e Cultura Italiana è promosso Centro di Lingua e Cultura Italiana (CICLI) dell’Università Roma Tor Vergata.

Per maggiori informazioni visita la pagina CLICI Summer School 2024

CLICI – Center for Italian language and culture – of Tor Vergata University of Rome issues a notice of public selection (a total number of at most 80 places are available) to enroll the CLICI Summer School a.y. 23-24 that will take place 6 – 27 July 2024. CLICI Summer School wants to enhance the knowledge of Italian language and culture to international students from all over the world by offering an intensive course that includes lessons of Italian language, and tourist-cultural itineraries mainly across Metropolitan City of Rome Capital and Castelli Romani.

Periodo di svolgimento: dal 6 al 27 luglio 2024 Scadenza delle iscrizioni: 6 maggio 2024

clici.uniroma2.it/wp-content/uploads/2024/02/AVVISO_Summer_School.pdf(si apre in una nuova scheda)

Delivery period: from 6 July 2024 until 27th July 2024 Registration deadline: 6 May 2024

Dowload Public Call English version

Dowload Public Call Italian version

Vero, falso o sfumato? Quando i confini della logica si fanno più labili

Vero, falso o sfumato? Quando i confini della logica si fanno più labili

La Logica, che ha a che fare con la matematica e con la filosofia, ha ricadute in diversi campi dell’Ingegneria dell’informazione (informatica, elettronica, telecomunicazioni).

Dalla logica classica di Eraclito, Zenone, Democrito e Aristotele e di George Boole (“logica booleana”) alla logica non-classica sfumata (“logica fuzzy”) di Lofti Zadeh, dai concetti logici di vero e falso della logica binaria, alla base dello sviluppo dell’elettronica digitale, ai concetti logici sfumati, con un  grado di verità che presuppone allo stesso tempo un certo rado di falsità, che trovano applicazione, ad esempio, nell’ intelligenza artificiale e nel controllo di quei sistemi in cui è presente un certo grado di incertezza. Marcello Salmeri, professore associato in “Misure elettriche ed elettroniche”, Dipartimento di Ingegneria Elettronica, ne parla in “Logica binaria e logica sfumata”, l’articolo pubblicato su Uninews TorVergata, tema del primo numero è “confini”.

FONTI:

LOGICA BINARIA E LOGICA SFUMATA

G. Boole, An Investigation of The Laws of Thought on Which are Founded the Mathematical Theories of Logic and Probabilities, Macmillan, 1854. L. A. Zadeh, Fuzzy Sets, in «Information and Control», vol. 8, fasc. 3, June 1965, pp. 338-353.

Donne e Architettura: committenti, progettiste, muratrici

Donne e Architettura: committenti, progettiste, muratrici

Le donne in Architettura non solo come committenti ma anche progettiste ed esecutrici materiali nei ruoli di muratrici, scalpelline, carrettiere e garzone.

L’incontro di studio “Donne per l’arte e l’architettura nella prima età moderna”, che si tiene venerdì 23 febbraio, ore 10:30 (Salotto della biblioteca “Vilfredo Pareto”, Facoltà di Economia), intende far conoscere le donne che lavorano nei cantieri edili di Roma in età moderna, un campo immaginato e raccontato fino ad ora solo al maschile, e offrire l’occasione per indagare il ruolo delle donne nell’arte e nell’architettura.

Grazie alla ricerca accademica sul tema, frutto spesso di un lungo lavoro pluridisciplinare e archivistico, si potrà conoscere il racconto sulla pratica dell’architettura al femminile, in particolare sulle artiste e artigiane per la Basilica di San Pietro in Vaticano e sul lavoro professionale svolto da Plautilla Bricci (1616 – 1705), pittrice e architettrice, protagonista dell’ achitettura del Barocco romano, sua la progettazione di Villa del Vascello o Villa Benedetta, commissionata da Monsignor Elpidio Benedetti, in via di san Pancrazio (Gianicolo) a Roma.

L’incontro è organizzato da Nicoletta Marconi, Storia dell’architettura, Dipartimento di Ingegneria civile e ingegneria informatica, che introduce gli interventi delle relatrici, Maria Elena Diez Jorge, Universidad de Granada, Consuelo Lollobrigida, University of Arkansas Rome Center, Assunta Di Sante e Simona Turriziani, Archivio della Fabbrica di San Pietro, e Barbara Martini, delegata del rettore alle Pari opportunità e all’inclusione.

Intervengono, il rettore Nathan Levialdi Ghiron e il direttore del Dipartimento di Ingegneria civile e Informatica Renato Baciocchi.

Notizie correlate:

Donne per l’arte e l’architettura nella prima età moderna