20/11 – Soft Strategy Group Recruiting Day a Ingegneria

Mercoledì 20 novembre 2019, ore 10.00
Aula 11, Macroarea di Ingegneria
Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”

Tipo di Laurea: laureandi/neolaureati magistrali in materie ingegneristiche, tecnico-scientifiche o economiche

Sei neolaureato o ti stai laureando in materie ingegneristiche, tecnico-scientifiche o economiche ed hai un grande interesse per il mondo del Digitale e delle Tecnologie Innovative?

Soft Strategy Group sarà all’Università Tor Vergata il 20 novembre per valorizzare il tuo talento e offrirti l’opportunità di intraprendere una carriera nel Management Consulting/Data Analysis.

Per partecipare invia il cv a cv@placement.uniroma2.it indicando il riferimento “Recruiting Day Soft Strategy” entro il 14 novembre 2019. Sarà inviata una mail di convocazione con tutti i dettagli logistici entro il 18 novembre. 

Le posizioni aperte, finalizzate all’assunzione, sono:

  • Junior Analyst Management Consulting Internship c/o Soft Strategy Advisory
  • Junior SAP Analyst internship c/o InnovatesApp

Soft Strategy Group è una Talent Factory con oltre il 70% del gruppo composto da under 35, che valorizza l’unicità e il potenziale di ognuno grazie ad uno spirito collaborativo, all’esperienza e competenza di figure professionali in grado di accelerare l’inserimento e la crescita dei giovani.

Stiamo cercando persone che abbiano sete di conoscere ed innovare con approccio propositivo, spirito critico e forte senso di responsabilità, capaci di affrontare sempre nuove sfide coadiuvati da un team dove la persona viene sempre prima di tutto.

Scopri di più su www.softstrategy.it

Il futuro del ‘digitale’: tra Mercato unico digitale (DSM) e trattato transatlantico su commercio e investimenti (TTIP)

Tavola Rotonda
Il futuro del ‘digitale’: tra Mercato unico digitale (DSM) e trattato transatlantico su commercio e investimenti (TTIP)

martedì 10 novembre 2015, ore 9:00

Sala convegni – Consiglio Nazionale delle Ricerche Piazzale Aldo Moro, 7 (entrata da Via dei Marrucini snc)

La recente accelerazione delle tecnologie digitali, dalle piattaforme social all’ecommerce, dai servizi nei motori di ricerca alle piattaforme cloud, dai nuovi dispositivi mobili alle app per mobile, dall’Internet delle cose alle Reti a banda larga e ultralarga, dai big data alla sicurezza informatica, tutto ciò sta rivoluzionando l’organizzazione sociale, l’economia digitale e i suoi mercati.

Ma cosa prospettano le nuove regole in corso di attuazione per il Mercato Unico Digitale (il DSM) e il Trattato transatlantico sul commercio e gli investimenti (il TTIP) in discussione tra USA e UE? Come intervengono sulla concorrenza, gli appalti e gli investimenti; come tutelano i servizi di pubblica utilità, la protezione dei dati, la privacy e la sicurezza informatica?

Una riflessione congiunta su prospettiche regole e accordi europei e transatlantici in materia di ‘digitale’, relata ai temi evocati sembra giustificata e urgente.
Da un lato, infatti, appare ancora modesto il dibattito nazionale (ed europeo) che già si sarebbe dovuto aprire a seguito della pubblicazione nel maggio scorso della Strategia del mercato unico digitale per l’Europa, il DSM. Il tema era già largamente annunciato nel recente passato e implicato nelle nuove modalità di valutazione della digitalizzazione dei sistemi Paese negli scoreboard europei DESI.

Dall’altro, l’avvio nel febbraio 2013 dei negoziati USA-UE, gestiti direttamente dalla Commissione, per il Partenariato USA-UE sul commercio transatlantico e gli investimenti, il TTIP, ha suscitato non poche reazioni, positive e negative, in particolare sulla poca trasparenza dei negoziati in corso.

Mentre sul DSM disponiamo della Comunicazione della strategia da parte della Commissione del maggio 2015, sul TTIP sono disponibili le direttive sulla negoziazione del giugno 2013, documento declassificato del Consiglio dell’Unione europea, le schede sintetiche pubblicate nel sito UE Trade, alcuni rapporti del Parlamento europeo sui round negoziali pervenuti al decimo nel mese di luglio 2015, e alcuni documenti testuali sui diversi aspetti implicati, ad esempio sulla concorrenza e sul molto discusso dispositivo per la composizione delle controversie investitore-Stato (ISDS). Di recente il CEPS dell’Unione Europea ha rilasciato un’eccellente analisi delle implicazioni digitali del TTIP.

La Tavola Rotonda Il futuro del ‘digitale’: tra Mercato unico digitale (DSM) e trattato transatlantico su commercio e investimenti (TTIP) organizzata dal Centro per la Ricerca e lo sviluppo dell’EContent (CReSEC) dell’Università di Roma “Tor Vergata” e dal Club Dirigenti Tecnologie dell’Informazione (CDTI) intende riflettere con le istituzioni, le aziende, gli investitori, la ricerca sui grandi temi dell’innovazione tecnologica e dell’economia digitale che si sono aperti all’interno delle prospettive delineate dai due strumenti negoziali in oggetto.

 

9:00 Registrazione Welcome coffee

9:30
Indirizzi di Saluto e Apertura

Linda LANZILLOTTA, Vice Presidente del Senato

Antonio SAMARITANI, Direttore Generale AgID
Giuseppe NOVELLI, Rettore dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”

10:15 – 14:00
Le prospettive istituzionali

Presiede
Elio CATANIA, Presidente di Confindustria digitale

Introduce e coordina
Elisabetta ZUANELLI, CReSEC/Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”

Intervengono
Roberto VIOLA, Direttore UE DG Connect
Gen. Div. Gennaro VECCHIONE, Comandante Unità Speciali GdF
Gabriele CHECCHIA, Rappresentante Permanente d’Italia presso le Organizzazioni Internazionali (OO.II)
Fabio Massimo CASTALDO, Portavoce del M5S al Parlamento Europeo
Alessia MOSCA, Parlamentare europeo
Nicola BLEFARI MELAZZI, Direttore del Dipartimento di Ingegneria Elettronica dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”

Dibattito/Question time: Il mercato e lo sviluppo

Fulvio ANANASSO (CDTI e Stati Generali dell’Innovazione), Giovanni CREA (Università Europea di Roma), Francesco DI CIOMMO (Luiss), Massimo DI VIRGILIO (CDTI), Giorgio LENER (Università degli studi di Roma “Tor Vergata”), Gaetano PELLEGRINO (Open Gate Italia), Federico SANTI (HP Enterprise Services)

Conclusioni
Elisabetta ZUANELLI, CReSEC/Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”