20.06.2022 – “L’Ibis sulle sponde dell’Aniene: sincretismi a Villa Adriana”. Lectio Magistralis di Benedetta Adembri

20.06.2022 – “L’Ibis sulle sponde dell’Aniene: sincretismi a Villa Adriana”. Lectio Magistralis di Benedetta Adembri

di Pamela Pergolini

Lunedì 20 giugno 2022 – ore 9:00, Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, Aula Sabatino Moscati, Macroarea di Lettere, via Columbia, 1

La giornata di studi in onore di Benedetta Adembri per celebrare la sua lunga attività a Villa Adriana è stata organizzata da Giuseppina E. Cinque (Dipartimento di Ingegneria Civile e Ingegneria Informatica – DICII, Università “Tor Vergata”), Andrea Bruciati (Istituto Autonomo Villae), Marco Fabbri (Dipartimento di Storia, Patrimonio culturale, Formazione e Società – SPSF, Università “Tor Vergata”), Pilar Leon (Universidad de Sevilla). L’evento si svolgerà nella Sala Moscati della Macroarea di Lettere e Filosofia (edificio B, 1° piano).

Benedetta Adembri terrà la Lectio Magistralis dal titolo “L’Ibis sulle sponde dell’Aniene: sincretismi a Villa Adriana”.

All’incontro, che si terrà lunedì 20 giugno 2022, dalle ore 9:00, presso l’università di Roma “Tor Vergata”, parteciperanno, tra gli altri, il rettore di “Tor Vergata” Orazio Schillaci, il direttore del Dipartimento di Ingegneria Civile e Ingegneria Informatica di “Tor Vergata” Renato Baciocchi, il direttore del Dipartimento di Storia, Patrimonio culturale, Formazione e Società di “Tor Vergata” Lucia Ceci, il direttore generale Musei – Mic Massimo Osanna, il direttore dell’Istituto autonomo di Villa Adriana e Villa d’Este (Tivoli) Andrea Bruciati, l’archeologo e storico dell’arte Salvatore Settis.

La giornata di studi costituisce anche una occasione per fare il punto della situazione degli studi condotti con riferimento alla Villa imperiale tiburtina e, con questo, per valutare le nuove vie di ricerca da intraprendere.

Benedetta Adembri ha avuto modo di seguire e, talora, di collaborare con numerosi gruppi di ricerca – anche internazionali e non di prevalente interesse archeologico – maturando una maniera particolare di concepire l’archeologia, che le ha permesso di apprezzare, cogliere e valorizzare anche specifiche caratteristiche degli antichi resti con un approccio di più ampio respiro rispetto al suo settore disciplinare.

Sempre particolarmente attenta alla divulgazione e alla didattica ha seguito, come  correlatrice, numerose tesi di laurea, tra le quali molte nell’ambito dell’Ingegneria, a fronte della collaborazione ventennale con la prof. Giuseppina Enrica Cinque, Dipartimento di Ingegneria Civile e Ingegneria Informatica, dell’Ateneo di Roma “Tor Vergata”.

Da tale collaborazione derivano alcune linee di ricerca che hanno portato a risultati innovativi, come nel caso, solo per citarne alcuni, del ritrovamento della fastosa latrina singola nel Giardino-Stadio, del ritrovamento, e della successiva ricomposizione, di larga parte della decorazione parietale e pavimentale di un ambiente dell’Edificio con Tre Esedre e dell’identificazione del sofisticato impianto “bio-climatico” del cosiddetto Palazzo d’Inverno.

Ultima, in rodine di tempo, è la linea di ricerca recentemente affrontata, e sancita da una convenzione-quadro tra l’Istituto Autonomo Villa Adriana e Villa d’Este e l’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, volta allo studio e alla riqualificazione museale di un’area di Villa Adriana esclusa dai percorsi di visita, benché contenente edifici di grande interesse, in origine adibiti alla frequentazione imperiale. Tale linea di ricerca, assai impegnativa, anche in termini economici, è condotta con il professor Marco Fabbri, archeologo, Dipartimento di Storia, Patrimonio culturale, Formazione e Società dell’Ateneo di “Tor Vergata”, e alcuni professori di Ingegneria di “Tor Vergata”, Francesca Casini, Elena Eramo, Nicoletta Marconi e Zila Rinaldi.

I primi eccezionali risultati di tale ricerca sono stati preliminarmente presentati a dicembre 2021.

In questo contesto interdisciplinare, con il supporto scientifico di Elena Eramo, infine, è maturata l’ultima sorprendente scoperta in merito alle soluzioni tecniche adottate da Adriano nella sua Villa: è stato, infatti, possibile stabilire la forma, completa e conclusiva, della fronte del Serapeo.


Martedì 21 Giugno ore 10-12 a Villa Adriana, Tivoli: passeggiata archeologica con Benedetta Adembri

Una passeggiata diversa, per una rilettura della Villa alla luce delle recenti indagini. La dottoressa Benedetta Adembri ci accompagnerà alla riscoperta della residenza imperiale, alla luce dei temi da lei approfonditi, anche con il supporto di colleghi di altri settori, che hanno portato a nuove ipotesi rispetto alla letteratura nota.

Villa Adriana rappresenta uno scenario unico, ancora oggi in grado di affascinare il pubblico con le sue suggestive memorie, conducendolo in un viaggio nel tempo che permette di far apprezzare in maniera sempre più consapevole le caratteristiche di unicità e originalità del suo grandioso progetto.

Locandina_il programma completo

Leggi anche: Adventus Hadriani. Ricerche sull’architettura adrianea