Sergio Musmeci al MAXXI, l’ingegnere visionario che con i suoi progetti di architetture strutturali ha anticipato il futuro

Sergio Musmeci al MAXXI, l’ingegnere visionario che con i suoi progetti di architetture strutturali ha anticipato il futuro

di Pamela Pergolini

Il Centro Archivi Architettura del MAXXI, Museo nazionale delle arti del XXI secolo di Roma, ospita fino al 10 aprile 2023, la mostra InGenio. Idee visionarie dall’Archivio di Sergio Musmeci, presentata nell’ambito della conferenza stampa, il 30 settembre 2022, al MAXXI, insieme a “Technoscape. L’Architettura dell’Ingegneria”, la mostra che indaga a sua volta il rapporto tra architettura e ingegneria strutturale tra storia e futuro. Ingegnere visionario scomparso prematuramente nel 1981, a soli 55 anni, Sergio Musmeci ha cercato di anticipare il futuro, lasciando molte idee originali ancora da sviluppare, attuali ancora oggi. Il suo Archivio è custodito nelle Collezioni del MAXXI Architettura. “Il mio lavoro – affermava Musmeci – consiste nel trovare forme risolutive di problemi: forme nuove, che non hanno ancora nome”. In mostra sono esposti alcuni tra i progetti più visionari di Musmeci nei quali il progettista, capace di avventurarsi in campi pionieristici per la sua epoca, sperimenta forme: superfici piegate come origami, intrecci di travi, membrane fluide, strutture reticolari spaziali senza nodi. Abile matematico, nel suo archivio ci sono pagine e pagine di calcoli che accennano a nuove teorie per rifondare la statica come quella del minimo strutturale, una teoria delle forme strutturali cha aiuti a progettarle. 
La mostra è divisa in quattro sezioni: ricerche, modelli, strutture e ponti.  A questi ultimi è dedicata un’attenzione particolare. I ponti di Musmeci sovvertono tutte le consuetudini: sono molto difficili da descrivere a parole perché sono forme nuove, talmente nuove da aver bisogno di nomi nuovi, che ancora non esistono. Musmeci cambia la forma delle pile che diventano simili a uccelli in volo e la forma dell’impalcato che è diventa un nastro sinuoso. Famoso, ma rimasto sulla carta, è il progetto per il Ponte sullo Stretto di Messina, con il quale Musmeci nel 1969 vinse ex aequo il concorso pubblico di idee per l’attraversamento dello Stretto. Il modello originale esposto in mostra, in scala 1:1000, e quindi lungo oltre 4 metri, rappresenta l’idea rivoluzionaria di Musmeci: una tensostruttura sospesa-strallata che avrebbe potuto  contrastare la forte oscillazione dell’impalcato (il ponte sospeso infatti è molto “ballerino”, si comporta come un’altalena e per renderlo utilizzabile anche dalla ferrovia occorre fermare le sue oscillazioni). 
La prof.ssa Tullia Iori – InGenio – Conferenza stampa al MAXXI
Altrettanto famoso è il ponte sul Basento a Potenza: «Il ponte più bello del mondo: un guscio continuo equicompresso, la cui forma viene studiata attraverso le bolle di sapone: una struttura in cui lo spazio entra in ogni punto. Il ponte è stato dichiarato monumento di interesse culturale già nel 2003. In questi mesi è oggetto di un delicato progetto di restauro a seguito del concorso bandito dal Comune di Potenza nel 2020», afferma Tullia Iori, curatrice della mostra e professore ordinario all’Università di Roma “Tor Vergata”, Macroarea di Ingegneria, Dipartimento di Ingegneria Civile e Ingegneria Informatica, dove insegna Storia dell’ingegneria strutturale.  Visitando la mostra, oltre ai disegni originali e alle fotografie d’epoca, ci sono documenti audio e video recuperati negli archivi delle Teche Rai, in cui si può ascoltare la voce di Musmeci che racconta le sue opere e i progetti. È anche possibile sfogliare il volume dal titolo “L’archivio Sergio Musmeci nelle collezioni del MAXXI Architettura. L’inventario”, appena pubblicato. 
La mostra è inoltre un catalogo dei modelli di studio di Musmeci. Quali sono i materiali preferiti per i suoi modelli? Le bolle di sapone, per studiare l’equi-tensione, e la gomma, che si poteva tesare e poi anche misurare. Ma anche il plexiglas e la carta. In mostra, per la prima volta, sono esposti – dopo un accurato e minuzioso restauro – i modelli di studio delle sue strutture spaziali, gli antipoliedri. E anche il modello di carta dorata per il ponte semisommerso per il lago di Fogliano. Modelli facili da manipolare con cui l’ingegnere fantasticava per nuove forme delle costruzioni.  
Il ponte sul Basento – Basilicata
 La mostra è allestita come fosse il suo studio – con carta da spolvero, puntine, fogli attaccati ovunque e grandi piani di legno chiaro dove si disegnava tutto a mano, molto prima dell’avvento dei computer: piena di suggestioni, perché – come diceva Musmeci – “se mi lasciano spazio, io questo spazio lo invado!”

L’Ateneo di “Tor Vergata” spegne 40 candeline: il calendario degli eventi di Ingegneria

L’Ateneo di “Tor Vergata” spegne 40 candeline: il calendario degli eventi di Ingegneria
Le celebrazioni per il Quarantennale dalla fondazione dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” (1982-2022) si aprono, ufficialmente, a partire dal mese di ottobre. L’Ateneo, che nel prossimo anno accademico 2022-2023 spegnerà 40 candeline, festeggia organizzando la manifestazione #FutureSight, che si terrà nel Campus dal 24 al 28 ottobre. Cinque giorni di interventi, lezioni, dibattiti, presentazioni, laboratori, incontri con ospiti e relatori internazionali organizzati in presenza, e in streaming su più canali e da più sedi di trasmissione: un evento ad ingresso libero, aperto a tutti, durante il quale il giovane ateneo romano punterà il suo “sguardo verso il futuro”. 
Tre le linee tematiche sulle quali si articola il programma #FutureSight: la ricerca ( think ), la didattica, (inspire ) e la terza missione ( join ). Previsti anche interventi di orientamento dedicati agli studenti delle scuole superiori, spazi di discussione sul futuro dell’insegnamento delle discipline dell’Ingegneria e di confronto tra generazioni diverse sulle prospettive culturali, occupazionali, dubbi e curiosità relative allo studio della discipline dei corsi di studio di Ingegneria e con i rappresentanti del mondo del lavoro sul ruolo per le aziende nella progettazione didattica.
Per conoscere tutti gli eventi organizzati dall’Area di Ingegneria vai al link 
oppure visita il sito del Quarantennale di “Tor Vergata”
Dalla “Supply Chain” alla “Termo-Emo-Dinamica”, dalla “Volotolomica” al volo di droni passando per l’applicazione dell’elettromagnetismo per il monitoraggio dell’Ambiente e dei processi industriali fino ad arrivare a tracciare il profilo di un futuro ingegnere  in grado di affrontare le sfide della sostenibilità, soprattutto nei settori dell’energia e della mobilità. Di seguito alcuni appuntamenti su alcuni temi di ricerca che vedono coinvolta l’area di Ingegneria nella settimana #FutureSight #TorVergata40 dal 24 al 28 ottobre. 
Considerazioni strategiche per la supply chain dei circuiti integrati 
Lunedì 24 ottobre 2022, ore 14:00 – 15:00,  Auditorium “Ennio Morricone”, Facoltà di Lettere e FilosofiaLa crescita del mercato dei semiconduttori dovuta al costante aumento dell’uso di questi componenti nei sistemi elettronici, dalle applicazioni speciali all’automotive e alla medicina, rende fondamentale questo settore per la economia mondiale. Tanto importante è il settore quanto fragile risulta essere la attuale supply chain per la produzione dei moderni circuiti integrati. Ma la fragilità di questo settore non dipende solo dalla delicatezza della relativa filiera logistica (supply chain), ma anche dallo “shortage delle menti” ossia dalla mancanza di ingegneri che possano progettare circuiti integrati.
La Termo-Emo-Dinamica (TED) nell’Ingegneria Medica e nella medicina del futuro 
Martedì 25 ottobre 2022, ore  12:30 – 13:30,  Studios di AteneoLa Termo-Emo-Dinamica (TED) è un campo di ricerca emergente che collega l’ambito ingegneristico della Termofluidodinamica e l’ambito medico della Emodinamica, per individuare opportunità di applicazione e sviluppo di soluzioni tecnologiche nel campo dei sistemi biologici, a tutela della salute umana, odierna e nella Medicina del futuro. La TED è essenziale nel perfezionamento delle tecniche di criochirurgia e nello sviluppo di innovativi stent coronarici, arricchendo le ricerche nell’ambito della termoregolazione del corpo umano e dell’ipertermia medica, nell’emodinamica per la previsione di eventi aneurismatici e aterosclerotici, nell’acustica della termofluidodinamica cardiaca e nella magneto-idrodinamica dei sistemi respiratori e cardiovascolari. 
Le Tecnologie Elettromagnetiche per il Monitoraggio dell’Ambiente e dei Processi Industriali
Martedì 25 ottobre 2022  18:00 – 19:00,  Aula TL – Facoltà di EconomiaLe onde elettromagnetiche, interagendo con la materia delle cose, ne catturano la loro intima natura generando informazioni utili alla comprensione di fenomeni naturali e generati dall’uomo. In questo incontro viene raccontato come le pluridecennali ricerche dell’Ateneo nel settore dell’Elettromagnetismo vengono trasformate in servizi industriali per il monitoraggio ambientale, del territorio, nonché di quello dei sistemi di produzione nell’era della Transizione Digitale ed Ecologica. 
Divertor Test Tokamak (DTT): la sfida italiana alla fusione
Mercoledì 26 ottobre 2022, ore  14:00 – 15:00,  Studios di Ateneo
La produzione di energia pulita è una tra le sfida tecnologiche più importanti e non procrastinabili. La fusione nucleare è una delle sorgenti più promettenti e la comunità scientifica si sta misurando con i numerosi problemi tecnologici e fisici per il suo sfruttamento. Un nuovo impianto tokamak denominato DTT (Divertor Test Tokamak) è in costruzione presso i laboratori ENEA di Frascati e l’intento del seminario è di estendere la chiamata alla comunità scientifica per collaborare insieme a questo sfidante esperimento di fusione nucleare.
Future Engineers for a Sustainable  World  
Giovedì 27 ottobre 2022  16:00 – 17:00,  Aula TL – Facoltà di Economia (in inglese)  
Partendo dalle esperienze dei nostri ex allievi come ricercatori, innovatori, manager, e di colleghi con cui si è stabilito un duraturo rapporto di collaborazione, vogliamo tracciare un profilo del futuro ingegnere perché possa fare fronte alle nuove sfide della sostenibilità con principale riferimento all’energia e alla mobilità. Parleremo di competenze e di caratteristiche dell’ingegnere, anche alla luce dell’organizzazione dei corsi.
 Droni a volo autonomo  
Giovedì 27 ottobre 2022, ore 17:00 – 18:00,  Studios di Ateneo
I droni sono un ecosistema tecnologico in rapido sviluppo e le cui potenzialità vanno ad estendersi rapidamente con ricadute importanti sulle numerose applicazioni in cui vengono adottati. Saranno presentate le attività e gli sviluppi tecnologici e algoritmici del mondo dei droni a volo autonomo mostrandone i risultati sperimentali.
Le prospettive diagnostiche della volatolomica
Venerdì 28 ottobre 2022, ore  10:30 – 11:30,  Studios di Ateneo

I composti volatili emessi dagli organismi viventi (volatoloma) sono una sorgente di informazione dei processi fisiologici. La composizione del volatoloma umano è fortemente sensibile alla presenza di un ampio spettro di patologie dal cancro al COVID-19. L’Università di Roma Tor Vergata è tra i pionieri di questi studi e il recentemente inaugurato centro interdipartimentale della volatolomica intitolato al Prof. Arnaldo D’Amico si pone come uno dei centri più importanti al livello internazionale. Nel corso di questo incontro verranno illustrati i maggiori risultati ottenuti e le prospettive nelle applicazioni cliniche.
#FutureSight #TorVergata40 
Per conoscere tutti gli eventi organizzati dall’Area di Ingegneria vai al link o visita il sito del Quarantennale di “Tor Vergata” 
COME PARTECIPARE AGLI EVENTI
L’ingresso in aula e in Auditorium è libero e gratuito ma per ragioni organizzative per la partecipazione in presenza è consigliabile registrarsi a questo link.

Gli eventi che si svolgono in Auditorium “Ennio Morricone“- Lettere e in Aula TL – Economia possono essere seguiti anche in diretta streaming sui canali YouTube:
UniTorvergata – Auditorium 

UniTorvergata – Aula TL 
Gli eventi che si svolgono negli Studios Ateneo possono invece essere seguiti soltanto in streaming sul canale YouTube
UniTorvergata – Studios
Al termine di ogni evento saranno disponibili le registrazioni video per una visione successiva.
 
 

Ingegneria “Tor Vergata” a Maker Faire Rome 2022

Ingegneria “Tor Vergata” a Maker Faire Rome 2022

 di Pamela Pergolini

La Macroarea di ingegneria di Roma “Tor Vergata” ha partecipato a Maker Faire Rome 2022 con sette progetti nella categoria Maker Faire UniversitiesLa manifestazione, giunta alla sua decima edizione,  che si è conclusa il 9 ottobre, si è svolta presso l’ex Gazometro Ostiense. 
Da 10 anni Maker Faire Rome accende i riflettori sulle eccellenze in campo tecnologico e innovativo coinvolgendo le Università statali e gli Istituti di Ricerca pubblici italiani e internazionali.

 

 

PROGETTI DI INGEGNERIA “TOR VERGATA”  A MAKER FAIRE 2002 – ESPOSITORI UNIVERSITIES AND RESEARCH INSTITUTES
 – COMPATTATORE AD ALTA FUNZIONALITÀ PER LA RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI
 – DRONI INTELLIGENTI E AUTONOMI
 – T.Y.R.E.C.S. LA BOA INTELLIGENTE
 – MONI2BSAFE – CONTROLLO CONTINUO DI STRUTTURE E DI DISPOSITIVI CIVILI
 – PROGETTAZIONE DIGITALE E COSTRUZIONE DI STRUTTURE AD ORIGAMI 
 – STRUTTURA DISPIEGABILE A MEMORIA DI FORMA
 – VETTURA SCUDERIA TOR VERGATA DI FORMULA STUDENT

  

Il coordinatore di Ateneo per la manifestazione è il professor Pier Paolo Valentini, Dipartimento di Ingegneria dell’Impresa “Mario Lucertini” 
Maggiori info alla pagina  
 #MFR2022 e #MakerFaireRome #ingegneriatorvergata

Modellazione e Simulazione multidisciplinare: Ingegneria “Tor Vergata” ospita per la prima volta la conferenza internazionale I3M

Modellazione e Simulazione multidisciplinare: Ingegneria “Tor Vergata” ospita per la prima volta la conferenza internazionale I3M

La Macroarea di Ingegneria, area convegni, edificio della didattica,  via del Politecnico 1, ha ospitato per la prima volta, nei giorni 19, 20, e 21 settembre, l’edizione 2022 della Conferenza Internazionale I3M (The 2022 International Multidisciplinary Modeling & Simulation Multiconference). Oltre 100 i partecipanti, provenienti dall’l’Europa e dall’area del Mediterraneo, dall’America del Nord, dall’America Latina, Asia, Africa e Australia. La conferenza si è tenuta in modalità ibrida: alle quattro sessioni parallele, che si sono svolte in presenza nelle aule Leonardo, Galileo, Archimede e Pitagora, si sono aggiunti numerosi collegamenti in streaming. 
Nel corso degli anni, il Modeling & Simulation (M&S) si è dimostrato una delle metodologie più efficaci, vantaggiose e di successo per indagare e studiare sistemi complessi appartenenti a vari settori/aree. M&S è applicato in molti settori, che vanno dall’industria alle scienze sociali, dalla logistica all’ambito militare, dall’energia alla sanità. M&S fornisce una prospettiva multidisciplinare in cui teoria e dati provenienti da diversi campi possono essere utilizzati per costruire modelli e simulazioni che forniscono approfondimenti sul sistema considerato.
«La modellazione e simulazione di macrosistemi complessi, come ad esempio una linea di produzione manifatturiera, è una metodologia che affonda le radici negli anni ’50, quando però i sistemi di calcolo non avevano abbastanza potenza per garantire risultati efficacemente spendibili. Con lo sviluppo della tecnologia questi approcci sono tornati prepotentemente in auge anche se con un nuovo vestito, quello del “digital twin”, un termine incluso nel paradigma di Industry 4.0», spiega il prof. Massimiliano M. Schiraldi, docente di Impianti Industriali a “Tor Vergata” e Local Organization Chair della conferenza. «Indipendentemente dalle nuove mode, la possibilità di verificare cosa succederebbe in un sistema senza il rischio e il costo della sperimentazione su campo è un fattore importantissimo per la buona riuscita dei progetti e ciò e ha ricadute enormi sulla competitività delle aziende».
L’I3M è una piattaforma per lo scambio di conoscenze, la revisione e la discussione dei progressi teorici, dei risultati della ricerca e delle esperienze industriali, tra scienziati, ricercatori, decisori, professionisti e studenti che si occupano di argomenti interessati, in vario modo, dalla “modellazione e simulazione multidisciplinare”.
Scarica il programma I3M 2022 – Multiconference internazionale di modellazione e simulazione multidisciplinare 2021 (msc-les.org)

Vai 

S.O.S matricole, Ingegneria Welcome Days – InfoDesk dal 26 al 30 settembre

S.O.S matricole, Ingegneria Welcome Days – InfoDesk dal 26 al 30 settembre

 

Dal 26 al 30 settembre 2022, dalle ore 9:00 alle ore 15:00, presso l’Aula Studio (vicino al Bar), si svolgerà  Ingegneria Welcome Days –  InfoDesk e supporto dedicati alle matricole.
Vieni a scoprire servizi e opportunità che ti offre l’Università di “Tor Vergata”.

 

 

Macroarea di Ingegneria
via del Politecnico 1
accoglienza@uniroma2.it