Leonardo Drone Contest: team “Tor Vergata” tra le 6 squadre in gara

Il Leonardo Drone Contest è un progetto di Open Innovation ideato e sviluppato da Leonardo, in collaborazione con sei atenei italiani, per promuovere lo sviluppo, in Italia, dell’Intelligenza Artificiale applicata all’ambito dei sistemi senza pilota.

Obiettivo del progetto è quello di favorire la nascita di un «ecosistema» che coinvolga e metta insieme le capacità delle grandi imprese, degli atenei, delle PMI e degli spin-off e start-up nazionali.

In particolare, Leonardo sta sostenendo le attività di sei dottorandi (uno per ateneo) del Politecnico di Torino e Milano e delle Università di Bologna, Sant’Anna di Pisa, Roma Tor Vergata e Federico II di Napoli che, per tre anni, si impegneranno nello sviluppo di un sistema a guida autonoma per droni, mettendo a fattor comune risorse e conoscenze universitarie e aziendali. I sei dottorandi, con i propri team, si confronteranno ogni anno in un simposio scientifico, oltre che in una competizione tra di loro.

Il team di Roma Tor Vergata, tutti ingegneri

Dottorando Francesco Conversi

Francesco si è laureato in Ingegneria Elettronica all’Università di Roma Tor Vergata specializzandosi in controlli automatici con una tesi di robotica e ha lavorato per 25 anni nella progettazione hardware e firmware in cinque aziende. È un grande appassionato di elettronica e acustica, cosa che lo ha portato a lavorare molto sull’hardware analogico e sul digital signal processing.

Il gruppo di lavoro è formato da tesisti, dottorandi e altri ricercatori, nello specifico esperti in ambito intelligenza artificiale, controlli automatici e robotica.

Obiettivi

Obiettivi del dottorato:

  • Nel breve termine, uso di un quadrotor basato su tecnologie commerciali: controllore di volo, simultaneous localization and mapping (SLAM), nuovo sistema anticollisione e obstacle avoidance.
  • Nel lungo termine, quadrotor+motori per volo ad ala fissa, nuova architettura di controllo e leggi di controllo, e stime adattative basate su tecniche di immersione e invarianza. Uso di reti neurali per velocizzare il features matching per la localizzazione su mappa ricostruita.

Obiettivi scientifici:

  • Reti neurali per migliorare la localizzazione data una mappa (basata su ORBSlam2) e da immagini singole/stereo;
  • Leggi e stima del controllo del volo basate su immersione e invarianza;
  • Una struttura ibrida innovativa per cambiare la modalità di volo da standard ad ala fissa;
  • Stima dell’attitudine basata su osservatori ibridi.
(da https://dronecontest.leonardocompany.com/universita-degli-studi-di-roma-tor-vergata)

18 settembre 2020 – Al via la prima competizione!

L’appuntamento è per il 18 settembre, presso la sede di Leonardo, a Torino. Un’occasione unica di confronto per giovani dottorandi innovatori, che si sfideranno nella prima competizione di questo progetto in ambito Intelligenza Artificiale applicata agli Unmanned Systems.
Ideato e sviluppato da Leonardo, in collaborazione con sei atenei italiani, per promuovere lo sviluppo dell’Intelligenza Artificiale applicata ai sistemi senza pilota, questo contest è decisamente innovativo nel panorama delle iniziative in Italia e non solo. L’obiettivo è quello di favorire la nascita di un «ecosistema» che coinvolga e metta insieme le capacità delle grandi imprese, degli atenei, delle PMI e degli spin-off e start-up nazionali.
In particolare, Leonardo sta sostenendo le attività di sei dottorandi (uno per ateneo) del Politecnico di Torino e Milano e delle Università di Bologna, Sant’Anna di Pisa, Roma “Tor Vergata” e Federico II di Napoli che, per tre anni, si impegneranno nello sviluppo di un sistema a guida autonoma per droni, mettendo a fattor comune risorse e conoscenze universitarie e aziendali.

Il team di RomaTor Vergata”, formato da tesisti, dottorandi e altri ricercatori, proviene ovviamente da INGEGNERIA: nello specifico esperti in ambito intelligenza artificiale, controlli automatici e robotica. L’obiettivo a breve termine del team, rappresentato dal dottorando Francesco Conversi, è quello di utilizzare un quadrotor basato su tecnologie commerciali sviluppando: il controllo di volo, lo SLAM (simultaneous localization and mapping) e un nuovo sistema anticollisione e obsacle avoidance. In parole povere il drone di “Tor Vergata” dovrà valutare il percorso, evitare gli ostacoli e atterrare su piazzole ben precise.

I dottorandi capigruppo delle 6 squadre, con i propri team, sono chiamati a confrontarsi ogni anno in un simposio scientifico, oltre che in una competizione tra di loro. Il Leonardo Drone Contest è iniziato ufficialmente il 12 novembre 2019 ma lo scorso primo luglio ha registrato un momento importante con un simposio interamente digitale* in cui si è parlato di tecnologie e di droni, in particolare di Intelligenza Artificiale applicata all’ambito dei sistemi senza pilota.

Il simposio si è inserito nel percorso del contest, che adesso è chiamato a svolgere le tre gare annuali con livelli sempre crescenti di complessità, come un’occasione per interagire sia con il mondo dell’innovazione “Made in Leonardo” sia con il mondo accademico. Nel corso dell’evento, le sei università, rappresentate in particolare dai dottorandi delle borse Leonardo e dai professori dei dipartimenti coinvolti, hanno presentato i team che lavorano al progetto e gli sviluppi tecnologici che hanno finora raggiunto e che metteranno in campo in occasione della prima competizione che si terrà il 18 settembre.

 

Il vincitore sarà svelato il 23 settembre nel corso della premiazione… Nel frattempo diretta social dell’evento. STAY TUNED su TWITTER @ing_torvergata

 


1 luglio 2020 –  DRONE CONTEST Simposio scientifico, in live streaming

L’evento DRONE CONTEST del 1 luglio 2020 organizzato da Leonardo in live streaming dalle 10 alle 11:30 è aperto a tutti.
Basta registrarsi al link https://dronecontest.leonardocompany.com/users/sign_up inserendo il codice: DRONECONTEST

È la prima occasione per conoscere i team che hanno preso parte alla sfida innovativa di Leonardo, in collaborazione con sei tra i più importanti atenei italiani: Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, Politecnico di Torino, AerospacePoliMi, Scuola Superiore Sant’Anna, Alma Mater Studiorum – Università di Bologna, Università degli Studi di Napoli Federico II

L’evento è dedicato all’Innovazione Tecnologica per favorire lo sviluppo dell’Intelligenza Artificiale applicata all’ambito dei sistemi senza pilota in Italia.
All’iniziativa partecipano qualificati esponenti del settore. Conduzione a cura di Federico Ferrazza, direttore di Wired Italia.

 

 

 

 

Il Team “TorVergata” – Ingegneria+Economia – vince l’Amazon Innovation Award 2018

Hanno vinto! La squadra formata da Michele Baldassarre, Claudia Costanzo, Miriam Di Mario e Giulia Di Prospero non soltanto ha vinto il contest locale romano dell’università di Roma “Tor Vergata”, ma è stata scelta come vincitrice dell’Amazon Innovation Award nazionale 2018, giocandosela alla pari con il Politecnico di Milano e il Politecnico di Torino. Sono stati infatti i tre atenei italiani gli unici coinvolti da Amazon per il suo Innovation Award, giunto quest’anno alla terza edizione, per totale di circa 400 studenti riuniti in squadre e pronti a presentare circa 80 progetti innovativi.
Quest’anno la sfida lanciata da Amazon agli studenti era relativa allo sviluppo di idee innovative nell’area dell’Operations Management e in particolare riguardo la gestione del magazzino e la logistica interna.
Il 12, 13 e 14 febbraio, rispettivamente al Politecnico di Torino, Politecnico di Milano e all’Università di Roma “Tor Vergata” si sono tenute le premiazione dei vincitori locali. E il 14 febbraio nel nostro Ateneo è anche stato annunciato il vincitore finale, a livello italiano, che è risultato appunto essere il primo classificato a Tor Vergata.
Il team vincitore è composto da Claudia Costanzo, Miriam di Mario, Giulia Di Prospero (tre studentesse di Ingegneria Gestionale) e Michele Baldassarre (studente di Economia). Il progetto da loro presentato è denominato “XIVA” e propone un perfezionamento della nota tecnologia “kiva” già in uso nei centri distributivi Amazon. L’innovazione consiste nell’estensione delle funzioni di questi robot magazzinieri per comprendere operazioni di carico e scarico, migliorandone l’interazione con le persone anche dal punto di vista della sicurezza. Gli studenti hanno presentato la loro idea sintetizzata nel formato “six-pager” richiesto da Amazon, completa però di una progettazione di massima, dimensionamento logistico, analisi cost-benefici, analisi di rischio e di impatto sui processi.
Il prof. Max Schiraldi ha svolto il ruolo di “tutor” supervisionando l’elaborazione di tutti i progetti degli studenti: “la sfida ricadeva esattamente all’interno del mio tema di lavoro, io insegno Operations Management  e sono stato il loro interfaccia con Amazon”.

La notizia della vittoria ripresa dalla stampa

14/02 – Amazon Innovation Award 2018, la premiazione!


Giovedì 14 febbraio nell’aula Convegni degli edifici di Ingegneria si conclude ufficialmente l’edizione 2018 dell’Amazon Innovation Award, il contest promosso dalla multinazionale di Seattle e che vede in competizione team di studenti di tre atenei italiani: il Politecnico di Torino, il Politecnico di Milano e – ovviamente – l’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”.

È la seconda edizione del contest e quest’anno la sfida lanciata agli studenti riguarda lo sviluppo di idee innovative finalizzate all’efficientamento delle operations all’interno dei fulfillment centers di Amazon, come quello di Passo Corese, aperto appunto a inizio 2018 nel Centro Italia.

“L’Amazon Award si è confermata una iniziativa estremamente interessante per gli studenti, a cui hanno partecipato con entusiasmo” commenta il prof. Massimiliano Schiraldi, referente a Tor Vergata per Amazon e tutor per gli studenti del contest. “I ragazzi hanno ideato interessanti soluzioni nell’ambito del warehousing e del material handling: alcune di queste erano assolutamente innovative e originali. Sono molto soddisfatto di quello che ho potuto vedere”.

Il contest ha visto gli studenti impegnati per due mesi, da inizio ottobre 2018 a inizio dicembre. “Il tempo non è stato molto, devo ammettere – continua Schiraldi – questo ha anche un po’ disincentivato la partecipazione. Alcuni studenti che si erano inizialmente registrati alla gara non sono riusciti a consegnare in tempo. Alla fine si tratta di progetti complessi e la necessità di sintetizzare il tutto in massimo sei pagine richiede comunque uno sforzo addizionale. Ci sono studenti che hanno riprogettato un modello di centro distributivo ex-novo”.

Alla cerimonia di premiazione del 14 febbraio interverranno anche i reclutatori di Amazon, per illustrare le posizioni aperte in azienda, per dare indicazioni sul processo di selezione e suggerimenti per i colloqui. “Speriamo si decidano anche ad annunciare la nuova edizione dell’Award! – conclude il professore – Gira voce che per il round 2019 è possibile che il contest venga allargato anche a studenti dell’ultimo anno delle lauree triennali e dottorandi di ricerca. Sarebbe molto più interessante e coinvolgente”.

19/05 a Torino: XX Giornata di Studio sull’Ingegneria delle Microonde

MECSA
Microwave Engineering Center for Space Applications

Politecnico di Torino

19 maggio 2017

Giornata M.E.C.S.A. “Millimetre Waves for Space Applications and Beyond” 19 maggio 2017

Il Centro Interuniversitario MECSA svolge la sua attività di ricerca, di progettazione e di consulenza, oltre che di coordinamento scientifico, nell’ambito delle applicazioni spaziali, con particolare riferimento al settore dell’ingegneria delle microonde e delle onde millimetriche (antenne e propagazione – compatibilità elettromagnetica – circuiti, dispositivi e sistemi – remote sensing e modellistica ambientale).

Nel Centro confluiscono ricercatori sia della Società Italiana di Elettronica sia della Società Italiana di Elettromagnetismo. Al Centro Interuniversitario attualmente afferiscono dieci atenei italiani: l’Università dell’Aquila, l’Università di Bologna, l’Università di Firenze, l’Università di Messina, l’Università di Palermo, l’Università Politecnica delle Marche, l’Università di Roma “La Sapienza”, l’Università di Roma “Tor Vergata”, l’Università di Salerno ed il Politecnico di Torino.

 

 

6-11/03 – Settimana del Legno a Ingegneria Tor Vergata

Sensibilizzare l’opinione pubblica e divulgare le tecniche costruttive degli edifici in legno: è l’obiettivo de “La settimana del legno”, in programma all’interno del complesso della Didattica della Macroarea di Ingegneria dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” dal 6 all’11 marzo 2017.

Promosso dall’ateneo romano in collaborazione con Lamellazione-Roma, azienda operante nel settore della formazione professionale, consulenza e ricerca in materia di eco-sostenibilità e sfruttamento di risorse rinnovabili in edilizia, l’evento si svolgerà sotto diverse forme (esposizione, seminari, tavole rotonde, visite di cantiere) e prevede la creazione di una rete dove architetti, ingegneri, geometri, aziende nazionali e internazionali potranno scambiare i loro know-how e ampliare le possibilità offerte da un filo conduttore comune: le costruzioni in legno.

La compartecipazione dell’ambiente studentesco universitario, dei professionisti e delle aziende di settore avrà l’obiettivo di attivare un processo virtuoso di confronto tra mondo accademico e mondo del lavoro, stimolando gli studenti, che potranno scoprire nuove possibilità di apprendimento e auspicare opportunità di stage europei ed extraeuropei con le diverse realtà partecipanti all’evento, e riportando i professionisti ad una dimensione di sperimentazione che spesso si tende a dimenticare.

“La Settimana del Legno tratta di temi affrontati solo in questi ultimi mesi nei vari corsi di laurea grazie a diverse collaborazioni – afferma la prof. Stefania Mornati, coordinatrice scientifica del progetto – È un’occasione per gli studenti per conoscere una tecnologia di nicchia con un mercato ridotto, ma con sviluppi importanti. Soprattutto perché molto sostenibile. Con l’intervento dei vari relatori, l’evento è per il nostro ateneo occasione di internazionalizzazione e spinta al placement grazie all’ingresso di aziende provenienti da Francia, Canada, Taiwan con le quali affinare procedure di attivazione stage”.

L’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” si fa promotrice di un evento dedicato alla sensibilizzazione e divulgazione delle tecniche costruttive degli edifici in legno in collaborazione con Lamellazione-Roma, operante nel settore della divulgazione scientifica e professionale della tecnica delle costruzioni in legno.

Attraverso il suo ruolo didattico ed istituzionale, l’Università investirà sull’incontro tra le continue attività di ricerca scientifica e il trasferimento delle nuove tecnologie del settore ospitando anche professionisti internazionali.

L’evento si svolgerà nell’arco di una settimana sotto diverse forme (esposizione, seminari, tavole rotonde, visite di cantiere) e prevedrà la creazione di una rete dove architetti, ingegneri, geometri, aziende nazionali e internazionali potranno scambiare i loro know-how e ampliare le possibilità offerte da un filo conduttore comune: le costruzioni in legno.

Saranno ospitate società di rilevanza nazionale e internazionale che potranno esportare le loro novità tecnologiche, aziende che operano in ambito locale ed il tutto nello scenario universitario; all’interno del complesso della Didattica della Macroarea di Ingegneria dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” si svolgeranno i seminari e verrà organizzata una mostra con lo scopo di stimolare gli studenti che potranno trovare nuove possibilità di apprendimento, interfacciandosi con il mondo professionale, e lavorative auspicando possibilità di stage europei e extraeuropei con le diverse realtà partecipanti all’evento.

Saranno invitate le rappresentanze diplomatiche di alcuni Paesi europei ed extra-europei direttamente coinvolti nella kermesse, vista l’importanza della stessa per ottenere una stimolante sintesi tra la ricerca, le nuove scoperte tecnologhe e le possibilità di tirocini formativi e stage per studenti e giovani professionisti.

Lunedì 6 marzo sarà presentato al pubblico il progetto Biosphera2.0, installato nell’area verde della Macroarea. Biosphera2.0 è un progetto Italo-Svizzero. Nasce infatti su iniziativa Aktivhaus, società Svizzera in collaborazione con Minergie, l’associazione Svizzera che presiede agli omonimi standard nazionali di costruzione e ammodernamento di edifici ad elevata efficienza energetica, il Dipartimento di Architettura e Design del Politecnico di Torino, l’Università della Valle d’Aosta – Université de la Vallée d’Aoste, Vallée D’Aoste Structure,
Passivhaus Italia e PEFC, Woodlab e la partecipazione di diverse aziende leader del settore.

Biosphera2.0 è il nome di un modulo abitativo itinerante, di un progetto di ricerca e monitoraggio ambientale e fisiologico, di un un’esperienza abitativa.
Un modulo di 25 mq provvisto di tutti servizi per vivere – illuminazione a led, cucina a induzione, elettrodomestici, riscaldamento e raffrescamento, zona giorno, zona notte, bagno e centrale tecnica. Progettato e costruito mettendo al centro l’uomo e i suoi parametri vitali e studiando le reazioni del nostro organismo al variare delle condizioni climatiche esterne, il modulo per mantenere gli standard previsti deve garantire – anche in condizioni ambientali estreme (dai -20° C di Courmayeur ai + 40° C di Riccione), in modo pressoché autonomo – una temperatura confortevole dell’aria compresa tra i 21° C in inverno e i 26° C in estate e delle superfici compresa tra i 16° C e i 20° C. Deve poi mantenere, grazie ai filtri e al sistema di ricambio dell’aria uno standard di qualità dell’aria anche in città come Milano, Torino o Locarno.
Il legno della casa è certificato secondo i criteri di massima sostenibilità imposti dal PEFC.
Il progetto architettonico è stato sviluppato a partire dal concept elaborato da un team di studenti di architettura del Politecnico di Torino vincitori di un concorso organizzato dal gruppo Woodlab del Politecnico di Torino, dalla start up be-eco, da Valleé d’Aoste Structure e dall’Università della Valle d’Aosta – Université de la Vallée d’Aoste, al quale hanno partecipato oltre 100 studenti di architettura e ingegneria provenienti da tutta Italia.

 

ECCO IN RILIEVO gli appuntamenti della settimana:

Lunedì 6 marzo seminario di apertura, con i saluti istituzionali del Rettore dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, prof. Giuseppe Novelli. Seguirà l’inaugurazione del modulo abitativo passivo Biospfhera 2.0. Poi, l’architetto francese Luc Demolombe, docente di tecniche costruttive all’Ecole Nationale d’Architecture di Toulouse, presenterà i risultati della sua trentennale attività di progettazione, con particolare riferimento alle sperimentazioni sulle costruzioni in legno, centri termali, SPA, costruzioni flottanti e carpenterie di grande impatto visivo e caratterizzati dalla valorizzazione delle risorse e delle culture locali.

Martedì 7 marzo visita in cantiere (due turni, ore 9.00-13.00 e 13.30-17.30) organizzata da Forest Legnami, impresa esecutrice del multipiano in XLAM in corso di realizzazione in via di Casal Bianco 63 a Guidonia, su progetto dell’arch. Daniele Panuccio. La visita si rivolge a studenti della Macroarea di Ingegneria dell’Università degli studi di Roma “Tor Vergata” e ai professionisti interessati ad un confronto diretto con le costruzioni in legno.

Mercoledì 8 marzo atelier progettuale con l’architetto Luc Demolombe, riservato agli studenti dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, che prevede la realizzazione di modellini in scala per scoprire la versatilità e le possibili configurazioni delle costruzioni lignee.

Il pomeriggio seminario organizzato dal Gruppo Ivas S.p.a., dal titolo: “Isolamento a cappotto: protezione e recupero, qualificazione energetica, impatto ambientale, benessere e confort”

Giovedì 9 marzo la mattina seminario coordinato dall’azienda Margaritelli S.p.a. – in collaborazione con Luc Demolombe Architecte – sulla tecnologia, le geometrie e il design dei pavimenti in legno.

Il pomeriggio un altro seminario tenuto da M2 Ingegneria sulle costruzioni degli edifici in paglia

Venerdì 10 marzo seminario organizzato da Rockwool, azienda leader nel settore dell’isolamento termico ed acustico, che illustrerà soluzioni per la coibentazione e l’efficientamento energetico degli edifici, con particolare riferimento alle costruzioni in legno

Sabato 11 marzo seminario organizzato dall’azienda Costyedil – in collaborazione con Rothoblaas, Woodtek, Hsiang Yang Construction, Rjc Engineers – per presentare gli ultimi ritrovati della tecnologia delle connessioni metalliche specifiche per il legno, applicati all’interno di esperienze di carattere internazionale come quella taiwanese. A conclusione de “La settimana del legno”, tavola rotonda con question time, con la partecipazione di professionisti e aziende coinvolte durante l’intero evento.

Durante l’intera settimana sarà inoltre possibile visitare un’esposizione permanente delle aziende coinvolte che si propone di mostrare tutte le attuali potenzialità del settore e fornire elementi utili per comprenderne gli sviluppi futuri. L’area espositiva sarà situata al secondo livello del complesso della Didattica e l’allestimento sarà curato dall’architetto Luc Demolombe.

 

Le attività saranno accreditate sia in ambito universitario che presso gli Ordini professionali degli Architetti, degli Ingegneri e il Collegio dei Geometri per il conferimento di crediti formativi.

 

Consulta il programma della settimana