23/10 – teatro a Lettere, “Figlia di tre madri”

Spettacolo: “Figlia di tre madri”

Lunedì 23 ottobre, ore 15:00 – Auditorium “Ennio Morricone”, Macroarea di Lettere e Filosofia – via Columbia, 1

Lo spettacolo “ Figlia di Tre Madri” andrà in scena presso l’Auditorio “Ennio Morricone” della Macroarea di Lettere e Filosofia dell’Università di Roma “Tor Vergata” il prossimo 23 ottobre alle ore 15. Descrive una storia di passione politica, in cui si raccontano le vite di tre donne Costituenti, precisamente Teresa Noce, Rita Montagnana e Angiola Minella, tutte torinesi. La protagonista dello spettacolo evoca le lotte e l’impegno di molte che hanno generato i diritti di cui godiamo.
Il progetto teatrale è della regista e attrice torinese Elena Ruzza, che si esibirà con l’accompagnamento di Bianca De Paolis al contrabbasso. La drammaturgia è di Gabriella Bordin, il progetto complessivo delle associazioni Almateatro e Terraterra.
Introdurranno l’evento la Presidente del Comitato Unico di Garanzia di Ateneo, Elisabetta Strickland, e i colleghi Rino Caputo, Marina Formica e Silvio Pons della Macroarea di Lettere e Filosofia.

Guarda la notizia sul sito web d’ateneo

19/10 – convegno DIGITAL WOMEN

Giovedì 19 ottobre, ore 9:30 – Aula Convegni, Macroarea di Ingegneria – via del Politecnico, 1

L’Italia non si può definire un paese digitale, anche per quanto riguarda la presenza femminile in questo tipo di professionalità. Va anche riconosciuto che è in atto un lavoro diffuso per affrontare una trasformazione che preveda una partecipazione femminile più ampia. L’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” affronterà questo tema il prossimo 19 Ottobre alle ore 9.30, presso l’ Aula Convegni della Macroarea di Ingegneria, mettendo a confronto alcuni attori importanti impegnati in questa sfida.
Saranno infatti presenti Joan Feingenbaum, Chair del Dipartimento di Computer Science dell’Università di Yale, la Assessora a Roma Semplice di Roma Capitale Flavia Marzano, che si sta occupando della trasformazione digitale del Comune di Roma, Michele Colajanni dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, responsabile del progetto “Ragazze digitali”, Tiziana Catarci, professoressa e ingegnera elettronica dell’Università “Sapienza” di Roma, Fabiana Lanotte, componente del Team Digitale di Palazzo Chigi. L’iniziativa è del Comitato Unico di Garanzia di Ateneo, presieduto da Elisabetta Strickland, professoressa di Algebra del Dipartimento di Matematica, con la collaborazione di Giuseppe Italiano, professore di Ingegneria Informatica dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”.
Tramite una serie di presentazioni ad hoc, si intende fare il punto sulla situazione femminile nel nostro paese nell’area digitale, con l’intento di incoraggiare le donne ad intraprendere professioni innovative in questo settore.

27/03 – presentazione libro “The Ascent of Mary Somerville in 19th Century Society”

Daniela Guardamagna presenta il volume di Elisabetta Strickland “The Ascent of Mary Somerville in 19th Century Society”

Introduce Marina Formica, Coordinatrice della Macroarea di Lettere e Filosofia
Sarà presente l’Autrice, prof. Elisabetta Strickland

Lunedì 27 marzo 2017
ore 11.00
Aula Moscati
Macroarea di Lettere e Filosofia
Via Columbia 1, Roma
Edificio B

Dice l’autrice, prof. Elisabetta Strickland:

È interessante, a distanza di due secoli, riflettere sulla vita e il lavoro della scienziata scozzese Mary Fairfax Somerville, il cui straordinario talento matematico venne alla luce solo grazie ad un evento fortuito. A dieci anni era una creatura selvaggia e semianalfabeta: tutta la scienza che ha appreso ed usato nella sua vita derivò da un paziente lavoro di autodidatta. Sapere come la Somerville riuscì a diventare una delle più apprezzate scienziate britanniche e una famosa scrittrice è quindi una lezione di vita, senza contare che gli aspetti di genere del suo successo in un mondo dominato dagli uomini costituiscono un modello per qualunque donna che voglia mettere in luce il proprio talento nonostante gli stereotipi avversi

Leggi la recensione al libro tratta dalla London Mathematical Society Newsletter