La Scuderia Tor Vergata è il team ufficiale di Formula SAE dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”

 

Lorenzo Pescosolido, studente di Ingegneria meccanica e teamleader di Scuderia Tor Vergata/Official Formula SAE Team, illustra l’esperienza importante di far parte della Scuderia Tor Vergata, il cui lavoro straordinario è così coinvogente da attirare l’attenzione di tutta la popolazione studentesca ogni volta che la monoposto “esce dai box”…

 

La Formula SAE, o Formula Student, organizzata dalla  Society of Automotive Engineers – SAE International – a partire dal 1981, è una competizione internazionale di design ingegneristico, aperta ai soli studenti universitari.

In genere ad ogni evento partecipano circa 100 team, divisi nelle classi combustion (dedicata ai veicoli con motore a combustione interna) ed electric (aperta invece ai prototipi elettrici).
In questa competizione il team deve progettare, realizzare e testare in pista un prototipo di autovettura a ruote scoperte, che abbia elevate performance in termini di accelerazione, tenuta laterale e maneggevolezza e che abbia buoni margini di profitto per l’eventuale azienda che voglia metterlo in produzione.

La Formula SAE ha una formula molto libera, gli unici vincoli a livello progettuale sono:

⇒la cilindrata massima (710 cc),
⇒il diametro massimo del condotto di aspirazione (dai 19 ai 20 mm, in base al tipo di carburante),
⇒il tipo di carburante da utilizzare (RON 98 o E85, una miscela di etanolo per i veicoli a combustione),
⇒il passo minimo della vettura (1525 mm),
⇒l’escursione minima degli ammortizzatori (52 mm),
⇒le dimensioni dell’abitacolo (deve poter ospitare il 95 percentile della popolazione mondiale, nonché sono assengate le dimensioni minime dello stesso),
⇒le dimensioni minime dei tubi del telaio (o dei pannelli in carbonio per i telai monoscocca in composito) e una serie di norme per garantire la massima sicurezza del pilota.

L’evento di Formula SAE si svolge ogni anno in un posto diverso, dura generalmente 4 giorni ed è diviso in una serie di prove, che vogliono valutare la validità complessiva del progetto. La scuderia ha sempre partecipato all’evento italiano e per tre volte all’evento tedesco (abbiamo saltato solo il 2015). In genere viene portata all’evento una squadra che va dai 25 ai 30 team members, scelti in base alla dedizione e all’impegno mostrati durante l’anno.

Come funziona:

Le prove si dividono in statiche e dinamiche. Le prove statiche sono: Cost & Manufacturing Analysis, Engineering Design Presentation e Business Presentation. Quelle dinamiche: Acceleration, Skid-Pad, Autocross, Endurance/Efficiency. Si accede alle dinamiche dopo aver passato le ispezioni tecniche iniziali.

Per ogni prova viene assegnato un punteggio ai vari team e viene stilata una classifica; la classifica generale dell’evento viene stilata considerando, per ogni team, la somma dei punteggi delle varie prove; il team con il punteggio più elevato vince l’evento; il punteggio massimo che può essere realizzato è di 1000 punti.

Ogni evento viene valutato indipendentemente l’uno dall’altro e a fine anno viene stilata una classifica di ranking mondiale basata sui punteggi ottenuti dai team negli eventi fatti negli ultimi tre anni.

La Scuderia Tor Vergata, dunque, partecipa agli eventi di Formula SAE per l’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”.
Il team è composto da circa 40 persone. Per farne parte è necessario presentare la propria candidatura. Dopo un test iniziale, basato sostanzialmente su basilari conoscenze ingegneristiche e sul regolamento della competizione e utile per valutare la preparazione, si affronta un colloquio con la dirigenza del team, in modo da individuare il reparto in cui poter iniziare a lavorare. I piloti vengono selezionati attraverso una serie di test teorici e pratici al fine di valutare la preparazione e la dimestichezza con la guida di monoposto da competizione. Ogni membro del team, piloti inclusi, viene costantemente valutato in merito all’impengo e alla dedizione mostrata durante l’anno.

Gli studenti e le studentesse che fanno parte del team saranno in futuro affiliati all’associazione senza scopo di lucro, STV-Scuderia Tor Vergata, che ha sede legale nel dipartimento di Ingegneria Industriale e ha come scopo la partecipazione dei ragazzi (e delle ragazze!) alla Formula Student come team dell’Università di Roma “Tor Vergata”. Il fatto che si sia formata un’associazione agevola la gestione delle donazioni da parte di aziende che vogliono supportarci. Gli sponsor possono collaborare sia a livello economico, tramite donazioni o scontistiche sugli  acquisti, nonché tramite supporto tecnico, sia in termini di consulenza, che di prodotti e servizi veri e propri. L’ateneo contribuisce con fondi e concedendoci i locali in cui progettiamo e lavoriamo alla realizzazione del prototipo.

Partecipare alla Scuderia Tor Vergata è un’occasione per poter mettere in pratica tutte le nozioni apprese durante il corso di studi per imparare a lavorare in gruppo rispettando scadenze improrogabili e a confrontarsi con persone provenienti da vari campi di studio.

 

Visita il sito web di Scuderia Tor Vergata

 

 

14/03 – La Ricerca di Eccellenza a Tor Vergata e l’accesso al finanziamento ERC

10° anniversario dello European Research Council

La Ricerca di Eccellenza a Tor Vergata e l’accesso al finanziamento ERC

14 marzo 2017 – Aula Convegni – Macroarea di Ingegneria

 

9:30 –  10.00   Saluti Istituzionali e Introduzione ai lavori:

Prof. Giuseppe Novelli, Rettore

Prof.ssa Silvia Licoccia, Delegato alla Ricerca

 

Proiezione del Video dei casi di successo ERC a Tor Vergata

 

10:00 – 11:00  ERC, l’esperienza dei Principal Investigators:

 

Un’opportunità per gli umanisti: Giacinto Della Cananea (Dipartimento di Diritto Pubblico)

 

La Portabilità del Grant e la “chiamata diretta”:

Lucio Cerrito, Mauro Sbragaglia (Dipartimento di Fisica)

 

Da Marie Curie verso ERC e il Proof of Concept:

Francesco Ricci (Dipartimento di Scienze e Tecnologie Chimiche)

 

ERC un’occasione di crescita per il Dipartimento:

Filippo Bracci, Roberto Longo, Domenico Marinucci (Dipartimento di Matematica)

 

11:00 – 12:00 Dall’idea progettuale alla redazione della proposta:

 

L’esperienza da valutatore

Giuseppe Palleschi, ERC Panel Member, LS7

Roberto Benzi, ERC Panel Member PE3

 

Il Quadro complessivo del Programma ERC – indicazioni per il futuro

Serena Borgna (APRE) NCP ERC

 

ERC: il ruolo della Host Institution – la Divisione Ricerca Internazionale, il personale di supporto nelle fasi del Progetto ERC: Francesca Dominici

 

12.00 – 12.30 Conclusioni e Caffè di saluto